AER Memories of Old


Gli dei sono scomparsi e l’umanità scruta il cielo per comprendere la verità dalle stelle.
Un mondo lontano e in rovina è all’orizzonte, fatto di templi e isole che sembrano fluttuare nel cielo. Tutto è però irrimediabilmente perso.

Una ragazza perciò decide di cominciare un pellegrinaggio per osservare il luoghi storici del passato della sua tribù. In questo modo pensa di poter fermare l’oscurità che si sta inghiottendo tutto.

Potrà così fare anche la conoscenza di spiriti animali e totemici che vegliano sulla sua tribù.
Il gioco e la storia di AER sono molto poetici e tutto è costellato da colore e malinconia. Il tema del ricordo è importante, legato a un passato lontano in cui la violenza ha praticamente distrutto tutta la poesia del vivere.

Tutto causato dalla brama di potere di un re malvagio che ha distrutto tutto.
Il titolo è un classico esempio di narrativa ambientale di cui il capostipite probabilmente è stato Journey.

La storia non è ben delineata anche se tutto si gioca sul livello dei sentimenti e delle sinestesie.
L’atmosfera si manifesta sempre a livelli elevati e tutto scorre fluido e con coerenza, senza mai scadere nel banale.

Your ads will be inserted here by

Easy AdSense Lite.

Please go to the plugin admin page to paste your ad code.

il punto di forza della produzione di Forgotten Key sta certamente nelle musiche da grande atmosfera e da una grafica a poligoni vivi molto leggera e poetica. Le musiche sono della compositrice Cajsa Larsson.
Le animazioni della ragazza soprattutto quando spicca il volo sottoforma di uccello sono incantevoli anche a bassi poligoni.

Il fulcro del gameplay è l’esplorazione con alcuni inserti di momenti platform ed enigmi ambientali. A favorire il tutto anche un buon level design.
La sfida è sempre proporzionata e mai frustrante e infatti l0avventura non deve essere volutamente interrotta da ostacoli.

Le scelte e le strade da percorrere sono solo nostre e solo la nostra curiosità nell’esplorare ci porterà a scoprire tutti i vari segreti che le antiche divinità hanno in serbo per noi.

Un titolo in stato di grazia, in cui less is more. Una sopresa continua che consigliamo a tutti di provare.

Voto: 9

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>