Dreamfall Chapters


The Longest Journey è una trilogia molto interessante che ha tre capitoli principali che si sono snodati nell’arco di quindici lunghi anni.
Dreamfall Chapters, pubblicato recentemente per Playstation 4 e Xbox One, non è altro che la raccolta che comprende le cinque opere pubblicate fin dal 2014 su computer a opera di Red Thread Games. Tutto questo per merito di Deep Silver. Le atmosfere di Tornquist ritornano a splendere quindi e quindi sia per coloro che conoscono già la saga sia per coloro che ne sono a digiuno questa è un’ottima occasione per dargli un occhio.
I mondi di Arcadia e Stark si fondono e quindi potremo vivere una separazione netta tra mondo magico e mondo basato sulla scienza.  Lam protagonista Zoe Castillo si trova in una condizione di coma permanente mentre la WATI corp sta tentando di soggiogare l’umanità attraverso la dreammachine, una macchina che può modificare i sogni delle persone a distanza.

L’altro protagonista della storia è Kian che si trova in carcere per avere tradito l’esercito di Azadi. Zoe e Kian si incontreranno e per tredici capitoli interagiranno per portare salbvezza ai propri mondi.
Il gioco ha un aspetto narrativo molto spiccato e preponderante. I colpi di scena si alterneranno e potremo fare la conoscenza di nuovi personaggi molto ben caratterizzati così come reincontrare vecchie conoscenze. A contribuire poi alla caratterizzazione generale del tilo anche un doppiaggio in inglese veramente eccellente.
Interessante giocare questa versione del titolo anche perché gli appassionati potranno finalmente dare una risposta definitiva a tutti gli interrogativi rimasti aperti nei capitoli precedenti e quindi ci sarà una conclusione per tutto.
Il gameplay si basa su quanto visto già in The Longest Journey con personaggi in terza persona che si muovono in fondali tridimensionali. Avremo a che fare quindi con enigmi mai troppo frustranti e quasi tutti basati sulla combinazione e l’utilizzo di oggetti. Presenti anche alcune sezioni action che spezzano un po’ il ritmo dell’azione.
Molti importamti anche le fasi di dialogo con bivi narrativi profondi che vi consentiranno quindi giocare più e più volte il titolo pur di scoprire ogni meandro della trama.

Le scelte più importanti influenzeranno il cosiddetto Equilibrio e quindi saremo poi in grado in seguito di riconoscere gli snodi principali. Il tutto impostato come un gioco Quantic Dream e quindi rifuggendo un po’ le logiche del classico punta e clicca tradizionale.
Dal punto di vista tecnico il gioco è pur sempre un titolo del 2014 anche se è invecchiato molto bene e probabilmente future patch risolveranno i problemi che affliggono leggermente il framerate allo stato attuale.
Un titolo ancora molto attuale e dalla storia estremamente coinvolgente che merita di essere provato, soprattutto in questa edizione nuova di zecca.

Voto: 8

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>