Dynasty Warriors Godseekers


Dynasty Warriors è una saga che è celebre in tutto il mondo per essere uno dei migliori musou attualmente in circolazione. Il titolo come oramai anche i sassi sanno è ambientato nel periodo dell’antichità cinese dei Tre Regni e sviluppato dai ragazzacci dell’Omega Force.

Il gioco ha praticamente vent’anni e il suo carattere brawl non l’ha mai cambiato per la gioia di tutti gli appassionati.
Progressivamente però il titolo ha tentato di sperimentare e innovare attraverso l’utilizzo di nuove formule come con la sotto-saga Empires che ha introdotto delle meccaniche strategiche e gestionali che rendono l’esperienza meno frenetica e più ponderata rispetto allo schema classico.

Godseekers possiamo tranquillamente affermare che ha abbondantemente svecchiato il brand ancora di più implementando una formula di strategico a turni. Vediamo di cosa si tratta nel dettaglio.
Il setting è sempre quello delle guerre di potere dell’antica Cina in cui il colosso asiatico divenne un impero.  Nel 280 dopo Cristo infatti i tre regni principali si unificarono diventando da quel momento un’entità unica.

I personaggi sono presenti tutti anche se la storia è più  astratta e meno dettagliata che in passato. Il protagonista è Zhao Yun e ci si ritrova nel bel mezzo della rivolta dei Turbanti Gialli. Appare anche Lei Bin vecchio amico di Yun. Il primo è un guerriero mentre il secondo è uno storico e sottile studioso di tecniche di battaglia.
Dirigendosi verso il Changshen scoprono che la leggenda della ragazza imprigionata in una cfaverna è reale e quindi la liberano, scatenando tutti i suoi poteri magici.
I nostri eroi dovranno quindi attraversare l’intero paese per trovare dei potenti artefatti in grado di controllare gli elementi.

Dovremo quindi farci strada contro avversari molto pericolosi anche se troveremo numerosi alleati al nostro fianco pronti per allearsi a noi.
In questo modo si svilupperanno varie side story tra i personaggi, tutto a favore delle sotto trame.
Il background narrativo andrà quindi ad arricchirsi  e i vari dialoghi tra i personaggi saranno molto interessanti da seguire per capire i vari eventi che hanno caratterizzato da sempre la serie.
A questo proposito è presente anche la sezione Path of Destiny che andrà proprio ad approfondire queste dinamiche interne tra personaggi.

Se proseguiremo con queste missioni secondarie verremo ricompensati con consumabili e oro da spendere per potenziare ulteriormente i nostri personaggi.
L’essenza del gioco è però per così dire quella di un musou strategico a turni e quindi prende il meglio da tutte le esperienze. In un certo verso potremo ritrovare in questa esperienza il meglio di Fire Emblem e FF Tactics mantenendo sempre però il profilo di alcuni eroi che massacrano interi eserciti.

Ci saranno scenari principali e battaglie secondarie che non appartengono alla trama principale ma serivranno per gfare crescere in esperienza i nostri eroi.
La battaglia si svolge tutta su scacchiere isometriche tridimensionali con i vari eroi che devono muoversi su numeri din caselle prestabilite. Potremo quinjdi poi scegliere se attaccare o difendersi.
In base a come saremo posizionati potremo incrementare idanni oppure difenderci al meglio. Se ad esempio colpiremo un nemico ai lati piuttosto che frontalmente il discorso sarà completanmente diverso e il numero di danni varierà.

Dovremo combattere anche in questo caso intere legioni capeggiate da generali coraggiosi.
Potremo concactenare attacchi così come sfruttare la barra per veri e propri attacchi musou molto devastanti. Potremo anche riempire lòa barra Synchro che ci permetterà appunto di svolgere degli attacchi in sincrono dei nostri personaggi.

Le armi poi sono tantissime ossia più di1000. Tutte potenziabili attarverso un sistema di crafting molto efficace.
Dal punto di vista tecnico il gioco rispetta i canoni del genere e quindi gli aficionados sanno già cosa aspettarsi. Soprattutto gli eroi sono realizzati benissimo.

Un’ibridazione che rappresenta un esperimento veramente riuscito. Complimenti a Tecmo Koei.

Voto: 8.5

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>