Il Figlio di Saul

Lazslo Nemes ha l’enorme merito di aver saputo dire qualcosa di nuovo e di forte in un filone, quello dedicato all’Olocausto, ricchissimo di pellicole eppure terribilmente impoverito da una generale mancanza d’idee e dall’impaccio che provoca a molti esplorare la disumanità dei campi di concentramento. Con la sua regia tutta camera a spalla, lunghi piani sequenza ripresi correndo alle spalle di un protagonista che si muove frenetico per il campo e tanti, soffocanti primi piani sul suo sguardo vuoto e vitreo, Nemes rende il film una sfida in quattro terzi, una maratona da cui si esce spossati fisicamente ancor prima che emotivamente. Figlio di Saul è innanzitutto un resoconto duro e senza sconti per lo spettatore, capace di portare come nessun altro la logica industriale della catena di montaggio della morte, vista dalla prospettiva di un membro dei sonderkommando, i prigionieri che si sporcavano le mani al posto dei carnefici, supervisionando l’ingresso e l’uscita dalle camere a gas, mentendo all’ingresso delle docce, pulendo il sangue, bruciando i cadaveri. Saul fa parte di questo terribile gruppo di prigionieri e ha già interiorizzato la missione disumanizzante della sua piccola casta: godere degli infinitesimali privilegi che comporta (primo tra tutti, non finire nelle docce), lavorare duro, tentare di sopravvivere il più possibile mentre si trascinano corpi e si pulisce il sangue.

Sul volto di Géza Rohrig c’è tutta la durezza e la vacuità di chi punta diventare invisibile, fuori e dentro, schivando il sadismo delle SS e inanellando un giorno dietro l’altro, un carico di cadaveri dietro l’altro. A un certo punto però qualcosa si spezza e Saul vede (o meglio, crede di vedere) l’amato figlio, scampato per caso alle docce. Il ragazzino morirà poco dopo, ma l’equilibrio indifferente di Saul è compromesso: mentre scendiamo nell’inferno del campo ci facciamo strada nella sua lucida follia, quella di voler seppellire il ragazzo secondo il rito ebraico, scovando tra i prigionieri un rabbino, occultandone il cadavere, seppellendolo, mentre i prigionieri organizzano l’ennesimo tentativo di fuga. Il figlio di Saul è indubbiamente un film difficile da gestire, un prodotto autoriale dalla forma rigorosa e sfiancante, che però nasconde in sé una approccio cinematografico irreprensibile e un contenuto così pregno di senso che difficilmente le altre uscite della settimana non parranno superficiali al confronto. Consigliato a chiunque pensi di poter gestire questa discesa nell’incubo.

Voto: 9

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>