Kyashan La Rinascita


In Giappone le trasposizioni degli anime di grande successo sono un’operazione molto popolare e con largo seguito.
Kyashan è la trasposizione di un titolo del 1973 che è arrivato anche in Italia con molta fatica.

La trama vede il dottor Azuma creare dei robot per aiutare l’umanità ma alcuni di questi impazziscono, costruiscono dei loro simili e in questo modo cominciano una guerra contro l’umanità. Per questo motivo Tetsuya, proprio il figlio di Azuma, decide di subire un’operazione per diventare egli stesso un cyborg di nome Kyashan, in grado di poter distruggere i robot ribelli. Lo accompagnerà il fido cane Flender, divenuto anch’esso un robot.

Una storia che quaranta anni fa aveva un certo appeal e sicuramente ne ha ancora per tutti gli amanti della fantascienza.
La Rianscita si stacca dalla trama principale con una federazione asiatica che ha praticamente conquistato il mondo e nel contempo lo ha inquinato con le sue scorie. Il dottor Azuma nel frattempo sta lavorando ad alcune cellule in grado di poter far resuscitare le persone. Avrà modo di sperimentare il tutto proprio con  il figlio Tetsuya, partito per la guerra e morto in battaglia.

I sopravvissuti allo sterminio stanno compiendo razzie per il continente e quindi Tetrusya è l’unico in grado di poterli fermare grazie alla sua nuova forma sovraumana.
Le scelte narrative del film sono un po’ retro ma il film ha un grandissimo impatto visivo senza dubbio. Buoni gli effetti seppur a basso costo e le varie scelte cromatiche.
Grandiosa anche la colonna sonora metallica in linea perfetta con tutto il film.

Un buon remake che piacerà sia agli aficionados che a coloro che non conoscono il titolo originale.

https://www.cgentertainment.it/film-dvd/kyashan-la-rinascita/f9364/

Voto: 7.5

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>