NieR Automata


Il primo NieR ha mostrato agli utenti un ottimo potenziale ma nessuno si sarebbe aspettato che questo Automata targato Yoko Taro si sarebbe rivelato un capolavoro di simile portata.
Assieme ai geniacci di Platinum Games sono riusciti a confezionare un titolo assolutamente inattaccabile sotto ogni punto di vista.
Le premesse vedono l’umanità praticamente sull’orlo di un baratro, massacrata da killer robotici introdotti sulla Terra da una razza aliena dominatrice. Ci si è rifugiati così sulla luna in attesa di organizzare un contrattacco.
Viene programmata quindi la squadra YoRHa con il compito esatto di sconfiggere il nemico da cyborg a cyborg. Questi robot non hanno emozioni e hanno gli occhi coperti da una benda.
2B è proprio uno di questi cyborg che ha il preciso compito di eliminare tutte le biomacchine che minacciano gli umani. È sempre accompagnata da 9S che è un cyborg scanner che le darà sempre supporto sul campo.

Ci ritroveremo così subito in mezzo alla mischia combattendo robot con i nostri poteri. La storia sembra solo inizialmente banale e frivola ma successivamente si rivela essere molto profonda e che toccherà varie corde emotive. Si toccheranno infatti temi etici alla Blade Runner e dicussioni più profonde sul senso della vita e i vari significati della metafisica.
Yoko Taro è un maestro nel giostrarsi in queste pieghe alte e basse senza mai cadere nello stereotipo o nel facile sentimentalismo.
Un gioco che si scopre un po’ alla volta, con tantissimi colpi di scena e che vi porterà ogni volta a dei finali sempre diversi e inediti.
Lo stile poi è veramente unico e sorprendente con scene di intermezzo che si integrano alla perfezione con il giocato e una sceneggiatura che non subisce mai in nessun modo alcuna sbavatura.
Il fulcro del gioco è comunque rappresentato dal gameplay che è sempre molto dinamico e spettacolare. Il nostro personaggio è agilissimo un po’ come Bayonetta e le sue evoluzioni vi permetteranno di fare fuori tutti i nemici in men che non si dica. Il combat system è super responsive e intuitivo e l’alternanza tra attacchi leggeri e attacchi pesanti vi sembrerà proprio una danza. Ottimo anche il supporto del nostro piccolo POD che ci aiuterà in molte circostanze. Tutta  l’azione sarà in tempo reale e avremo il pieno controllo della telecamera in maniera molto agevole.

Il titolo comunque non è incline a facili spacconate e tutto risulterà sobrio e piacevole.
Interessante anche la trovata  di mischiare all’interno del gameplay vari generi e sottogeneri con mix da shooter in due dimensioni ad action in tre. Presenti anche elementi da gioco di ruolo con la possibilità di fare crafting tra i rottami dei nostri nemici appena eliminati. Potremo anche personalizzare il nostro personaggio comprimario grazie all’utilizzo di chip.
Grandiose le boss fight che sono veramente spettacolari e ciclopiche come poche.
Ottimo anche il comparto tecnico che mescola vari stili per una grafica sempre all’altezza. Ottima anche la fluidità nei momenti più concitati. Fiore all’occhiello infine la colonna sonora di Keichi Okabe.
Senza mezzi termini un capolavoro assoluto.

Voto: 9.5

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>