Sniper Elite 4


Finalmente dopo quasi due anni di attesa il celebre franchise targato Rebellion e dedicato al famigerato cecchinaggio ritorna sui nostri schermi.
Karl Fairburne è tornato per combattere in Europa i malvagi disegni di conquista dell’Asse. Ci troviamo nell’estate del 1943 e la Seconda Guerra Mondiale è al suo punto apicale.
Gli americani sono arrivati in Sicilia e vogliono sconfiggere alla radice il Fascismo e quindi liberare l’Italia. L’operazione Husky ha quindi il suo inizio ufficiale.
Dietro le linee nemiche però il soldato Fairburne deve indagare su una tecnologia nuova di zecca messa a punto dai nazisti che gli consentirebbe di dotare ogni missile di un sistema di puntamento radar.
Viene affondata una nave al largo delle coste dell’isola di San Celini ed è proprio qui che intervveremo noi, dando inizio quindi alla nostra campagna.
Le missioni principali saranno dieci in totale, undici con il DLC Obiettivo Fuhrer e in questo modo potremo nuovamente stoppare sul nascere l’avanzata nazista.
Dovremo quindi inflitrarci tra le linee nemiche e fare piazza pulita nel modo più silenzioso possibile.

Dovremo quindi studiare le tattiche migliori per spingere al massimo le nostre abilità da cecchino e quindi il third person shooter di Rebellion sfrutta dinamiche stealth nella maniera più coerente che mai. Più che buttarci a capofitto nell’azione quindi dovremo in primo luogo studiare ogni singolo attacco e pianificare ogni eliminazione con una cura certosina.
Il binocolo ci aiuterà moltissimo in questo compito per osservare e scegliere i punti di interesse. Nell’HUD a nostra disposizione potremo marchiare ogni singolo punto e quindi sfruttarlo poi in un momento successivo.
All’inizio verremo briffati su quali siano le missioni principali e quali quelle secondarie e successivamente potremo così decidere quali percorsi intraprendere per avere la meglio sui nemici.
Dovremo anche sbarazzarci dei cadaveri altrimenti potremo generare degli allarmismi e quindi le truppe nemiche cominceranno a cercarci ovunque. Potremo comunque sfruttare questa confusione sempre a nostro vantaggio e magari quindi creare rumori molesti per distrarre l’avversario oopure sfruttare i membri della Resistenza per delle strategie in comune.
Molto realismo è stato profuso all’interno della tecnica di sparo ed eliminazione dato che la traiettoria del nostro proiettile verrà influenzata da tantissimi fattori.
Dovremo considerare infatti ad esempio battito cardiaco, gravità, forza del vento e tutta una serie di altri fattori determinanti.
Potremo a questo proposito sfruttare un reticolo per migliorare artificialmente la nostra mira in modo da evitare disastri annunciati.
Tornano in pompa magna anche le killcam che sottolineeranno le uccisioni più spettacolari. Saremo spettatori infatti della distruzione del corpo del nemico a raggi x nel momento dell’impatto del nostro proiettile. Buono anche l’arsenale con più di 20 armi a disposizione da poter utilizzare.
Abbandonata a campagna potremo anche giocare in coop online, potendo così affrontare le stesse missioni assieme ad un amico. In Sopravvivenza potremo invece aggiungere finio a 3 altri compagni d’avventura per fronteggiare orde di nemici.
Ci sono modalità extra molto interessanti come ad esempio il Re della Distanza in cui dovremo essere migliori nelle uccisioni a distanza appunto.
Dal punto di vista tecnico il gioco è impeccabile grazie all’utiizzo del motore grafico Azura con paesaggi ed animazioni dei personaggi eccellenti. Grandioso il comparto audio fondamentale per capire la provienienza di ogni rumore del nemico.
La longevità si attesta intorno alle 20 ore per la sola campagna.
Uno shooter molto particolare che vi regalerà a pieno tutte le sensazioni che si provano nei panni di un vero cecchino.

Voto: 8.5

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>