Where the Water Tastes like Wine


Le storie fanno da sempre parte del nostro vissuto.  Il nuovo videogioco targato Dim Bulb e Serenity Forge parte proprio da questo splendido presupposto per creare un gioco molto particolare che si sviluppa come un’avventura sui generis e con una trama che ricorderete certamente per parecchio tempo.

Tutto comincia con una normale partita a carte a un tavolo durante una notte molto fredda. Qualcuno sta vincendo una mano dopo l’altra. Improvvisamente ci ritroveremo a giocare la nostra vita e a perdere.

Il nostro avversario è un lupo mannaro doppiato da Sting e ci ridurrà senza pelle né carne, costretti a girare per gli Stati Uniti durante la Grande Depressione.
Dovremo raccogliere varie storie dai vari personaggi per poter riguadagnare la nostra libertà ormai perduta.

Le storie rappresentano ciò che potremo spendere durante il gioco e quindi ci ritroveremo ad ascoltare ogni tipo di storia, da quelle d’amore , a quelle felici fino a quelle tristi.   Un gioco veramente sui generis con regole tutte sue che ha poco a che vedere con tutte le produzioni attualmente in circolazione.

Durante le varie storie a cui ci troveremo di fronte avremo delle scelte multiple che ci permetteranno di compiere percorsi diversi. Le storie poi si arricchiscono di particolari una volta che progrediremo con il gioco e quindi subiremo dei risvolti sempre inaspettati.

Your ads will be inserted here by

Easy AdSense Lite.

Please go to the plugin admin page to paste your ad code.

Con alcuni personaggi dovremo necessariamente passare la notte raccontando loro storie altrimenti non potremo progredire se non ascolteranno ciò che vogliono sentire.
Il gioco in totale dura una quindicina di ore e quindi in questo modo potremo girare in lungo e in largo sul continente americano in cerca di storie da sentire e da raccontare.
Il vostro scheletro incederà quindi di città in città. Potremo girovagare per le città sfruttando dei passaggi sulla mappa ma non è detto che tutti si fermino.

Potremo anche camminare ma naturalmente ci impiegheremo più tempo oppure potremo anche prendere dei treni ma nel caso in cui verremo scoperti come vagabondi verremo linciati immediatamente e costretti a scendere dal vagone.

Nel momento in cui moriremo saremo costretti a ripartire dall’ultima città che avremo visitato.
Il gioco non è stato localizzato in italiano e quindi per alcuni magari la fruizione sarà più difficoltosa del previsto.

Il comparto tecnico è eccellente sotto ogni punto di vista, con illustrazioni al chiaroscuro di fattura artistica magistrale. La colonna sonora mescola invece il blues al folk con motivetti molto orecchiabili e ben costruiti. Ottimo anche il lavoro dei doppiatori che rendono tutte le storie vive e credibili.

Da provare assolutramente.

Voto: 8.5

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>