Wolf Creek 2


Wolf Creek 2 è il seguito di un horror australiano ambientato appunto nelle vaste lande desolate dell’emisfero australe.

La serie ha raccolto un così largo consenso che è diventato per  così dire una sorta di piccolo franchise.

Il film è parecchio efferato sotto ogni punto di vista e racconta in un certo senso fatti di cronaca visti sotto un’ottima particolare e inesplorata, quasi si andasse a rivelare dei retroscena mai scoperti prima.

In Australia infatti i casi di sparizione sono all’ordine del giorno, con varie persone mai più tornate all’affetto dei propri cari o ridotte successivamente a un periodo di prigionia in condizioni mentali e fisiche piuttosto precarie.

Nel primo capitolo la causa di tutto erano le manie di un serial killer mentre in questo caso il protagonista e la sua follia presentano delle motivazioni più profonde e di carattere molto più psicologico.

Il film come già detto fa del sadismo alla Eli Roth uno dei leit motiv principali con un ribaltamento sostanziale: in questo caso non ci sono dei turisti americani in paesi stranieri bensì degli stranieri che appunto si ritrovano avviluppati in situazioni sconcertanti proprio in Australia e nel suo profondo Outback.

Your ads will be inserted here by

Easy AdSense Lite.

Please go to the plugin admin page to paste your ad code.

Anche i poveri australiani soffriranno in questo Wolf Creek 2 e infatti viene raffigurato una sorta di nazione nella nazione, molto simile a quanto si vede negli horror ambientanti nel profondo sud degli Stati Uniti.

Dove la civiltà viene a mancare quindi abbonda la mancanza di regole e quindi l’orrore che da essa ne scaturisce.

Greg McLean però sfiora solamente la critica sociale e si affida quasi interamente al gore e allo splatter più sfrenato in cui senza troppe elucubrazioni cerebrali abbonda il sangue e la violenza.

Dedicato in primis agli appassionati del genere che troveranno certamente pane per i loro denti.

Voto:7.5

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>