YS VIII Lacrimosa of Dana


YS è uno dei capisaldi della celebre software house Nihon Falcom, con i primi giochi che risalgono addirittura al 1987, lo stesso anno di Final Fantasy.
Questo titolo è il seguito diretto di Seven naturalmente, con alcune introduzioni interessanti a livello di gameplay che hanno fatto virare il gioco verso atmosfere da hack n’ slash.
Rirtroviamo Adol Christin come narratore e ogni sua avventura può essere tranquillamente giocata in maniera indipendente, quindi non sono necessarie conoscenze pregresse.
Ci ritroveremo imbarcati sul Lombardia quando un kraken lo affonda al largo dell’isola di Seiren. Ci ritroveremo quindi su questa isola disabitata con l’incarico di ritrovare tutti gli eventuali superstiti.
Costruiremo immediatamente il nostro quartier generale chiamato Castway Village e qui potremo raccogliere tutti i vari superstiti che potranno aprire negozi oppure unirsi al nostro party come accade in Suikoden.
Ognuno di essi avrà poi naturalmente una side quest e quindi delle storie particolari che potranno fare da contorno a quella principale.
Il gioco poi introduce anche una protagonista di sesso femminile che renderà la storia molto coinvolgente e ricca di colpi di scena.
La campagna principale si può protrarre per 30 ore all’incirca e l’esplorazione è veramente molto vasta da portare a termine.

Le macro aree dell’isola sono immense e infatti dovremo utilizzare delle sottomappe per orientarci al meglio. Si amplia poi in base ai progressi conquistati sul campo.
Tramite i cristalli potremo rigenerarci in ogni momento quindi anche se le dimensioni sono immense avremo tempo per rigenerarci.  Potremo anche accamparci e quindi dormire durante le nostre peregrinazioni per recuperare le forze.
Potremo anche cucinare per assegnare bonus ai vari personaggi.
Potremo anche pescare e utilizzare il pescato per ricette nuove per guadagnare punti vita oppure per scambiare oggetti con gli abitanti del villaggio.
La mappa si allargherà anche quando ci sbarazzeremo di alcuni ostacoli grazie ad alcuni abitanti del villaggio il cui compito sarà proprio questo.
Il battle system è lo stesso di Memories of Celceta in cui abbiamo tre ccombattenti, intercambiabili con un tasto e ognuno sempre pronto per un attacco speciale differente.
Gli attacchi fondamentalmente sono tre e noi dovremo sempre dosarli a dovere associandoli alle skill uniche dei personaggi. Presenti anche le extra skills ovvero attacchi speciali in grado di colpire i vari nemici circostanti. È stata poi introdotta la modalità interception, dove il gioco assume contorni da tower defence in cui dovremo difendere il campo base dagli attacchi nemici.
Salto in avanti anche per quanto concerne il comparto tecnico, con una grafica al dui sopra della media per un gioco di questo tipo e una buona colonna sonora. Sottotitoli solo in lingua inglese.
Un vero e proprio salto da gigante per la serie YS, con una profondità e una frenesia mai vista prima. Gli amanti della serie sono avvisati.

Voto: 8.5

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>