Chevolution


La classica fotografia del Che Guevara indomito rappresenta un vero e proprio simbolo famoso in tutto il mondo che ha reso la figura del rivoluzionario argentino un vero e proprio simbolo immortale.

Un vero e proprio mezzo che veicola un messaggio, un messaggio che nel corso degli anni ha assunto tantissimi significati. I registi Luis Lopez e Trisha Ziff ci portano alla scoperta della figura di Ernesto Che Guevara proprio a partire da questa celebre raffigurazione.

Una foto che oggi è riprodotta su tutta una serie di prodotti a ogni latitudine del mondo.

Per raccontare la vita del Che, dalla sua nascita in Argentina, ai suoi viaggi in Sud America e in Messico e infine al suo incontro con Fidel Castro e alla rivoluzione, vengono utilizzati filmati dell’epoca, interviste e incontri con chi l’ha conosciuto molto da vicino nel corso della sua vita.

La sua impresa a Cuba contro il regime di Battista lo ha reso un simbolo di lotta in tutto il mondo, soprattutto nel’Europa di fine anni Sessanta, nel caldo del periodo delle contestazioni.

Lo scatto stesso ha una storia molto particolare dato che fu realizzato da Korda durante un discorso di Fidel in seguito a un attentato e che poi circolò liberamente in tutto il mondo dato che all’epoca nell’isola caraibica non esisteva alcun tipo di copyright.

In tutto questo l’Italia ebbe una parte molto importante dato che Gian Giacomo Feltrinelli fu il primo a utilizzare lo scatto per poster e stampe di vario genere. Il simbolo socialista e di lotta così è diventato progressivamente un brand come un altro, snaturando quindi il vero scopo dell’immagine. Senza quasi il suo permesso il guerrigliero è perfino diventato un simbolo di pace.

Questo documentario è utile proprio a fare chiarezza in tutto questo.

Voto: 8

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>